Salta al contenuto
Rss




Foto di Antonio Aina (https://ssl.panoramio.com/photo/88650652)Si trova appena fuori dall'abitato, addossata al cimitero e alla fine del viale che le dà un impatto visivo di grande suggestione.
Questa opera è molto cara ai santangelesi, i quali, nel corso dei secoli, con la loro devozione l'hanno difesa e protetta da tutte le traversie militari, politiche e religiose della storia. Sicuramente (ma non esistono documentazioni a proposito) esisteva già nel secolo XI come chiesa dedicata a Santa Maria delle Grazie e come asilo aperto giorno e notte per i pellegrini che passavano sulla Via Francigena.
La leggenda vuole che durante la terribile peste nera del 1348 qui si sia fermato san Rocco proveniente da Piacenza e diretto a Novara per curare gli appestati. Probabilmente è da allora che l'edificio di culto gli fu dedicato.
La chiesa, come la conosciamo oggi, è di origine quattrocentesca, con impianto romanico ad aula unica, abside a pianta quadrata e volta a crociera a cui si accede attraverso un arco a sesto acuto.
Misura m 11,20 x m 8, per un'area complessiva di 89,6 mq: dette dimensioni risultano molto contenute sia in altezza che in profondità, mentre la volta a crociera dell'abside è più alta di oltre quattro metri rispetto a quella dell'aula. Il pavimento è rimasto quello originale in cocciopesto.
La facciata principale ha forma di capanna e presenta ancora la sua antica linea di pietra a vista con caratteri trecenteschi a bordura geometrica in cotto, che corre lungo tutto il timpano. La scandiscono quattro aperture: il portale a sesto acuto inquadrato tra due lesene leggermente slanciate per accentuarne la verticalità; il rosone centrale; due piccole finestre rettangolari fortemente strombate e molto ribassate.
Le pareti interne sono completamente affrescate: ciò rappresenta un esempio unico nel territorio lomellino.
Gli affreschi sono attribuibili a più artisti, quattrocenteschi e cinquecenteschi, di scuola vercellese e mortarese, ma a tutt'oggi ignoti: fanno eccezione i dipinti a firma di Tomasino da Mortara (in data 1500-1504), solo pittore anagraficamente lomellino.
Con elemosine e donazioni popolari la chiesa venne sottoposta a vari restauri nel 1576, nel 1676 e nel 1735 e sempre i cittadini la salvarono dalla completa distruzione nell'Ottocento con un nuovo restauro.
Dopo un periodo di declino sono iniziati dei lavori di risanamento che l'hanno riportata all'antico splendore: tanto che ora gode della protezione del Ministero dei Beni Culturali ed Ambientali.





Inizio Pagina Comune di SANT'ANGELO LOMELLINA (PV) - Sito Ufficiale
Via Roma n.35 - 27030 SANT'ANGELO LOMELLINA (PV) - Italy
Tel. (+39)0384.55012 - 55200 - Fax (+39)0384.55313
Codice Fiscale: 83001630181 - Partita IVA: 01188720187
EMail: municipio@comune.santangelolomellina.pv.it
Posta Elettronica Certificata: comune.santangelolomellina@pec.regione.lombardia.it
Web: http://www.comune.santangelolomellina.pv.it


|